di Gabriel Renteria Linda.

Hip-hop e Rap sono termini ormai di uso comune. Già da tempo possiamo vedere il Rap su palchi nazional-popolari come quello di Sanremo e anche la scuola di danza del paesino di provincia più remoto ha un corso di ballo hip-hop. Ma ci siamo mai chiesti il reale significato di questi termini? E’ corretto parlare di musica rap o musica hip-hop?

Rap: Utilizzo della voce ritmico su un groove, caratterizzato da un largo utilizzo di rime e assonanze. Molti credono che Rap sia l’acronimo di Rythm And Poetry. Per quanto quest’etimologia risulti calzante è difficile che sia veritiera. In inglese letteralmente “to rap” significa colpire qualcosa d’improvviso, ma già nel 1300 in Gran Bretagna questo verbo veniva utilizzato in maniera colloquiale con il significato di “chiacchierare, parlare, raccontare una storia”.

Quindi chi fa Rap, il rapper, è semplicemente un cantastorie, o, meglio, un parla-storie.

Hip-hop: Per capire il significato del termine hip-hop bisogna scomporlo. Nello slang newyorkese degli  anni ’60 e ’70 Hip significa -to know, -awearness, letteralmente -sapere, –avere coscienza e –consapevolezza. Hop significa -to do, -fare, -muoversi.

L’unione dei due termini crea un neologismo dal significato dirompente: faccio perché so, mi muovo perché ho la coscienza per farlo. Per dirla più semplice: so quello che faccio. Ne deriva un significato molto profondo: non sono hip-hop perché mi piace, ma perché ho un punto di vista unico sul mondo, una “knowlege” appunto.

Inizialmente quindi l’Hip-hop è quasi un’idea filosofica, non è un luogo fisico o un oggetto, ma un’idea condivisa, una coscienza collettiva, e veniva scritto così: hiphop.

Questa idea collettiva abbraccia quattro forme d’arte, le quattro discipline: Il DJing, i Graffiti, la Breakdance e l’MCing, più noto come Rap.

In seguito  l’hiphop diventa Hip Hop, in maiuscolo. Un movimento culturale più complesso che inizia a creare attenzione mediatica e profitto. Alle quattro discipline originarie si aggiungono il beatbox, lo street-wear (cioè la moda urban, che oggi riempie i negozi di tutto il mondo), l’imprenditoria e la cultura di strada a 360 gradi.

Secondo KRS One, uno dei padri fondatori e massimo esperto di Rap e Hip Hop, oggi giorno la forma corretta di scrivere questo termine è senza maiuscole: hip-hop. Non è più solo una cultura, di certo non più un idea filosofica. E’ una vera e propria industria, che da lavoro a migliaia e migliaia di persone in tutto il mondo, con i pro e i contro che questo comporta.

In 50 anni di storia quindi è cambiato non solo il modo di scrivere questo termine, ma soprattutto il significato ad esso associato. Abbiamo quindi fatto un po’ di chiarezza, e per concludere possiamo dire che sarebbe preferibile parlare di Musica Rap, e di Cultura hip-hop, all’interno della quale trovano contesto anche altre forme artistico espressive.

    Scrivici per informazioni sui nostri corsi

    Steeeve
    Steeeve
    Dopo l'esperienza della scuola di musica sotto casa, cercavamo qualcosa di più accademico per nostro figlio Dopo avere fatto esperienza (poco piacevole in altra scuola) siamo arrivati in NAM Ci è piaciuto da subito l'organizzazione e la professionalità, il gran numero di ore disponibili per la parte teorica, e la preparazione dei docenti Dopo qualche anno di esperienza con il grande è arrivato il turno del piccolo e non abbiamo avuto dubbi; entrambi sono studenti NAM GRAZIE, GRAZIE NAM !
    Leonardo Giordano
    Leonardo Giordano
    Professionalità e passione..scuola di musica fantastica
    Mattia Cipolleschi
    Mattia Cipolleschi
    Nam una scuola molto qualificata con professori di altissimo livello… materie molto interessanti…… in parole brevi una scuola magnifica
    Elena Del Bianco
    Elena Del Bianco
    Sono al secondo pro di canto e fino ad ora mi sono trovata benissimo. Tutti gli insegnanti di grande competenza e l’ambiente sempre positivo. Ci si sente a casa!
    Vito Servodio
    Vito Servodio
    Ottima esperienza con nam Milano manuale comporre musica elettronica molto interessante tempi di consegna ottimi
    pacrella M
    pacrella M
    Scuola molto valida e insegnanti preparati. Ho studiato canto per quattro anni, alternandomi tra la sezione Bovisa e la sezione Centrale. Il corso è completo e strutturato abbastanza bene. Personalmente mi sono trovata meglio nella sezione Bovisa, ma per il semplice fatto che, essendo una sede più piccola, ci sono meno iscritti ed è più tranquilla. Consiglio di seguire il corso di Canto Professionale, come tutti gli altri corsi Pro, se si ha intenzione di fare il professionista e/o si ha molto tempo per studiare: sono percorsi molto impegnativi. In generale buona scuola 🌈
    Antonio “Troll04” Folladore
    Antonio “Troll04” Folladore
    Frequento da 3 anni la NAM e fin dal primo anno, mi sono sentito accolto sia dagli insegnanti, sempre disponibili e gentili e sia dal personale scolastico simpaticissimo e sempre pronto a risponderti con chiarezza!
    Vuoi conoscere la nostra scuola?

    Vieni a trovarci in sede, scegli il corso che preferisci. 

    Iscrivimi alla lista d'attesa Ti informeremo quando tornerà disponibile. Per favore lascia il tuo indirizzo email valido qui sotto.
    ×