Ascoltare la musica è un’esperienza che va ben oltre l’ascolto superficiale di una canzone; in alcuni casi, ascoltare una canzone è un viaggio nei significati nascosti dietro le note e parole. Un brano che incarna perfettamente questa dualità è “Master of Puppets” dei Metallica, un brano iconico del 1986 che è diventato un grande classico della band californiana.

Qual è il significato che si nasconde dentro a questa canzone? Scopriamolo assieme grazie alla nostra docente di canto di NAM Camilla Fincato.

Vuoi scoprire di più sui corsi di canto? Clicca QUI per scoprire tutti i nostri corsi di canto oppure scrivi ad info@nam.it

Master of Puppets, “Il richiamo del Burattinaio”

Il titolo stesso, “Master of Puppets”, si rivela come una chiave per comprendere il messaggio intrinseco del brano. Letteralmente tradotto come “padrone dei pupazzi”, questo termine assume un significato più oscuro nel contesto della canzone dei Metallica. Camilla Fincato racconta come ci sia una forte similitudine tra la figura del burattinaio e la dipendenza da droghe ed alcol.

“Come un burattinaio controlla i suoi pupazzi, così fanno le sostanze controllando coloro che ne abusano”.

I Segreti Nascosti nel testo di Master of Puppets

Attraverso le liriche incisive, la dipendenza emerge in tutta la sua complessità. Frasi come “I’m your source of self destruction” (Sono la tua fonte di auto-distruzione) e “taste me you will see more is all you need” (assaporami e vedrai che è tutto ciò di cui hai bisogno) sottintendono una dipendenza e un’autodistruzione. Il testo è colmo di oscurità e tratta il controllo che le sostanze siano in grado di prendere sulla vita di chi le usa, paragonabile al controllo di un burattinaio sui suoi pupazzi.

Testo ‘Master Of Puppets’

End of passion play, crumbling away
I’m your source of self-destruction
Veins that pump with fear, sucking darkest clear
Leading on your death’s construction

Taste me, you will see
More is all you need
Dedicated to
How I’m killing you

Come crawling faster
Obey your master
Your life burns faster
Obey your master
Master

Master of puppets, I’m pulling your strings
Twisting your mind and smashing your dreams
Blinded by me, you can’t see a thing
Just call my name, cause I’ll hear you scream
Master
Master

Just call my name, cause I’ll hear you scream
Master
Master

Needlework the way, never you betray
Life of death becoming clearer
Pain monopoly, ritual misery
Chop your breakfast on a mirror

Taste me you will see
More is all you need
You’re dedicated to
How I’m killing you

Come crawling faster
Obey your master
Your life burns faster
Obey your master
Master

Master of puppets, I’m pulling your strings
Twisting your mind and smashing your dreams
Blinded by me, you can’t see a thing
Just call my name, ’cause I’ll hear you scream
Master
Master
Just call my name, ’cause I’ll hear you scream
Master
Master

Master, master
Where’s the dreams that I’ve been after?
Master, master
You promised only lies
Laughter, laughter
All I hear and see is laughter
Laughter, laughter
Laughing at my cries
Fix me

Hell is worth all that, natural habitat
Just a rhyme without a reason
Never-ending maze, drift on numbered days
Now your life is out of season

I will occupy
I will help you die
I will run through you
Now I rule you, too

Come crawling faster
Obey your master
Your life burns faster
Obey your master
Master

Master of puppets, I’m pulling your strings
Twisting your mind and smashing your dreams
Blinded by me, you can’t see a thing
Just call my name, ’cause I’ll hear you scream
Master
Master
Just call my name, ’cause I’ll hear you scream
Master
Master

Obbedisci al tuo padrone!

Il ritornello, con la frase celebre “obey your master” (obbedisci al tuo padrone), racconta come la dipendenza diventi il padrone indiscusso, guidando e manipolando la vita delle persone sostituendosi alla loro autonomia e volontà. Ogni ripetizione della frase rafforza ulteriormente questo concetto, creando un’immagine potente della lotta contro un controllo che si fa sempre più opprimente.

“Master of Puppets” resta sempre attuale

Nonostante il brano sia stato creato nel 1986, “Master of Puppets” ha recentemente riguadagnato popolarità grazie alla sua inclusione nelle serie tv Stranger Things, dimostrando di essere una canzone senza tempo con la capacità di toccare l’emozioni di nuove generazioni.

“Master of Puppets” è una pietra miliare non solo nella storia della musica metal, ma anche come potente narrazione della lotta contro la dipendenza.

L’analisi di Camilla Fincato evidenzia la complessità delle sfide che molte persone affrontano anche al giorno d’oggi, rimanendo ancora oggi attuale e pieno di significati.

Ascolta la spiegazione di Master of Puppets nel video di Camilla

    Scrivici per informazioni sui nostri corsi

    Steeeve
    Steeeve
    Dopo l'esperienza della scuola di musica sotto casa, cercavamo qualcosa di più accademico per nostro figlio Dopo avere fatto esperienza (poco piacevole in altra scuola) siamo arrivati in NAM Ci è piaciuto da subito l'organizzazione e la professionalità, il gran numero di ore disponibili per la parte teorica, e la preparazione dei docenti Dopo qualche anno di esperienza con il grande è arrivato il turno del piccolo e non abbiamo avuto dubbi; entrambi sono studenti NAM GRAZIE, GRAZIE NAM !
    Leonardo Giordano
    Leonardo Giordano
    Professionalità e passione..scuola di musica fantastica
    Mattia Cipolleschi
    Mattia Cipolleschi
    Nam una scuola molto qualificata con professori di altissimo livello… materie molto interessanti…… in parole brevi una scuola magnifica
    Elena Del Bianco
    Elena Del Bianco
    Sono al secondo pro di canto e fino ad ora mi sono trovata benissimo. Tutti gli insegnanti di grande competenza e l’ambiente sempre positivo. Ci si sente a casa!
    Vito Servodio
    Vito Servodio
    Ottima esperienza con nam Milano manuale comporre musica elettronica molto interessante tempi di consegna ottimi
    pacrella M
    pacrella M
    Scuola molto valida e insegnanti preparati. Ho studiato canto per quattro anni, alternandomi tra la sezione Bovisa e la sezione Centrale. Il corso è completo e strutturato abbastanza bene. Personalmente mi sono trovata meglio nella sezione Bovisa, ma per il semplice fatto che, essendo una sede più piccola, ci sono meno iscritti ed è più tranquilla. Consiglio di seguire il corso di Canto Professionale, come tutti gli altri corsi Pro, se si ha intenzione di fare il professionista e/o si ha molto tempo per studiare: sono percorsi molto impegnativi. In generale buona scuola 🌈
    Antonio “Troll04” Folladore
    Antonio “Troll04” Folladore
    Frequento da 3 anni la NAM e fin dal primo anno, mi sono sentito accolto sia dagli insegnanti, sempre disponibili e gentili e sia dal personale scolastico simpaticissimo e sempre pronto a risponderti con chiarezza!
    Vuoi conoscere la nostra scuola?

    Vieni a trovarci in sede, scegli il corso che preferisci. 

    Iscrivimi alla lista d'attesa Ti informeremo quando tornerà disponibile. Per favore lascia il tuo indirizzo email valido qui sotto.
    ×